C.A.A. CORSO ANTI AGRESSIONE

C.A.A. CORSO ANTI AGGRESSIONE

Corso Anti Aggressione dedicato ad operatori specializzati.

 

Corso di 4 ore - unico appuntamento

 

Docenza di personale qualificato A.S., proiezione di slides, collaborazione con psicologo. Verrano trattati i seguenti argomenti:

1)Aspetto normativo: inquadramento della materia nell’ambito del codice penale incentrando l’analisi sulle principali violazioni inerenti i reati contro la persona (diffamazione, ingiuria, violenza privata, minaccia, lesione personale) e, di contro, l’abuso di autorità, la violazione di domicilio e l’eccesso di legittima difesa; la querela;

2)Aspetto biologico dell’aggressione: definizione; chi ne è esposto; caratteristiche; individuazione delle anomalie comportamentali e degli eventi sentinella; criticità frequenti nell’ambito dell’attività professionale;analisi approfondita inerente la casistica; esiti della violenza sulla persona (fisici, psicologici, economici);

3)Indicazione di comportamenti auspicabili quali indici di buona pratica:considerazioni analitiche circa le facoltà ed obblighi in capo all’accertatore ancorché comune cittadino; analisi dei fattori ambientali rilevanti; analisi e valutazione del motivo della presenza dell’operatore; metodo di approccio con l’utente, chiarezza della comunicazione con gli utenti; organizzazione dell’attività; segnalazione di situazioni rilevanti; misure di prevenzione per ridurre / eliminare i fattori di rischio; piani di miglioramento appropriati sulla scorta dei risultati ottenuti e sull’esperienza maturata, il lavoro in team, aspetti di tutela del dipendente da parte dell’azienda;

4)Conseguenze sull’aspetto psicologico della vittima: analisi dei principali riflessi psicologici sulla vittima [choc, incredulità, senso di colpa, collera, depressione, paura insopprimibile, aumento dei livelli di stress, disturbi fisici (per es. emicrania, vomito), perdita dell'amor proprio, rimprovero verso se stessi, impressioni di impotenza e di essere sfruttati, disturbi della sfera sessuale, effetto negativo sulle relazioni interpersonali, insoddisfazione per il lavoro, assenteismo, diminuzione dell’efficienza; angoscia per le conseguenze giudiziarie, ecc. ecc.].

 

Corso di 8 ore - unico appuntamento

 

Docenza di personale qualificato A.S., proiezione di slides, collaborazione con psicologo e simulazione di  antiaggressione fisica.Verrano trattati i seguenti argomenti: 

 

1)Aspetto normativo: inquadramento della materia nell’ambito del codice penale incentrando l’analisi sulle principali violazioni inerenti i reati contro la persona (diffamazione, ingiuria, violenza privata, minaccia, lesione personale) e, di contro, l’abuso di autorità, la violazione di domicilio e l’eccesso di legittima difesa; la querela;

2)Aspetto biologico dell’aggressione: definizione; chi ne è esposto; caratteristiche; individuazione delle anomalie comportamentali e degli eventi sentinella; criticità frequenti nell’ambito dell’attività professionale;analisi approfondita inerente la casistica; esiti della violenza sulla persona (fisici, psicologici, economici);

3)Indicazione di comportamenti auspicabili quali indici di buona pratica:considerazioni analitiche circa le facoltà ed obblighi in capo all’accertatore ancorché comune cittadino; analisi dei fattori ambientali rilevanti; analisi e valutazione del motivo della presenza dell’operatore; metodo di approccio con l’utente, chiarezza della comunicazione con gli utenti; organizzazione dell’attività; segnalazione di situazioni rilevanti; misure di prevenzione per ridurre / eliminare i fattori di rischio; piani di miglioramento appropriati sulla scorta dei risultati ottenuti e sull’esperienza maturata, il lavoro in team, aspetti di tutela del dipendente da parte dell’azienda;

4)Conseguenze sull’aspetto psicologico della vittima: analisi dei principali riflessi psicologici sulla vittima [choc, incredulità, senso di colpa, collera, depressione, paura insopprimibile, aumento dei livelli di stress, disturbi fisici (emicrania, vomito), perdita dell'amor proprio, rimprovero verso se stessi, impressioni di impotenza e di essere sfruttati, disturbi della sfera sessuale, effetto negativo sulle relazioni interpersonali, insoddisfazione per il lavoro, assenteismo, diminuzione dell’efficienza; angoscia per le conseguenze giudiziarie, ecc. ecc.];

5)Autodifesa verbale:difesa dalle aggressioni verbali rimanendo lucidi (l’arte di non combattere - il silenzio, la risposta appropriata – comunicazione e non confronto);

6)Autodifesa fisica: posizione dell’operatore rispetto ai soggetti potenzialmente pericolosi; postura dell’operatore con particolare attenzione alla gestualità utile alla mediazione; principi di difesa da colpi al volto; principi di difesa da presa.

 

 

Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna